Articoli

Articoli ed approfondimenti

I benefici della messa a terra sul sonno

Posted at 28/06/2011 | By : | Categories : Articoli | Comments Off

Secondo una ricerca effettuata dalla National Sleep foundation, circa i due terzi degli americani adulti soffre di disturbi legati al sonno, eppure sono dotati dei letti piu confortevoli e di ambienti migliori. Qualche secolo fa quando l’uomo era costretto a dormire per terra o su materiali naturali non aveva di questi problemi. Il fatto che la popolazione con la migliore assistenza sanitaria soffra sempre di piu’ di disturbi legati al sonno ci porta a pensare che qualche cosa e’ stato sottovalutato.

I campi elettrici o elettromagnetici alterano la formazione del cortisolo

Il cortisolo, considerato anche l’indicatore biologico del livello di stress, si forma secondo un modello notte-giorno, normalmente presente in livelli superiori durante il giorno quando la persona e’ attiva, e inferiori durante la notte. L’alterazione del sonno dovuto anche a stress o la presenza di altre malattie croniche o agenti esterni nocivi, comporta anche l’alterazione della sua formazione. L’aumento cronico del cortisolo puo comportare una rottura dei ritmi circadiani, che a sua volta contribuiscono a determinare una serie condizioni di salute avverse, tra cui disturbi del sonno, ipertensione, malattie cardiovascolari, diminuzione delle difese immunitarie, anormali livelli di glucosio etc.

Oggi la maggior parte di noi dorme circondata da numerosi cavi elettrici piu’ o meno nascosti dai muri vicino al letto. Questi cavi uniti ad altri dispositivi elettrici/elettronici concorrono a formare dei campi elettromagnetici che influiscono direttamente nel nostro corpo creando una debole corrente elettrica che ha come effetto quello di aumentare la produzione di radicali liberi e quindi concorrere ad alterare la produzione del cortisolo durante la notte.

E’ scientificamente provato che l’esposizione in ambienti con campi elettromagnetici di 50-60 Hz, aumenta la concentrazione di radicali liberi, ne allunga la durata, potenziando le possibilita di creare danni al corpo. Quando il corpo e’ esposto a campi elettromagnetici agisce come una antenna e ne attrae le linee di forza, l’effetto riconosciuto di questi campi elettrici e’ di sollecitare gli elettroni presenti nel nostro corpo inducendo una innaturale tensione. Questo disturbo elettrico e’ facilmente riscontrabile con l’ausilio di un normale voltometro sulla superficie del corpo.

 

Numerosi test sono stati effettuati su persone con eccessivi livelli di cortisolo, i risultati hanno dimostrato che la riconnessione con la terra durante la notte ne riduce i livelli, e riallinea il ritmo della secrezione di questo ormone nelle 24 ore. Inoltre la riconnessione migliora la qualita del sonno e diminuisce lo stress.